m5s

Presentazione ufficiale lista consiglio comunale ed Assessori designati

BannerCS

Presentazione ufficiale lista consiglio comunale ed Assessori designati.

——–

Oggi il Movimento 5 Stelle Messina, presso la propria sede di via Consolato del Mare 9/11, ha presentato ufficialmente la lista dei candidati al Consiglio Comunale ed i 5 Assessori designati.

Alla presentazione erano presenti il Portavoce deputato del MoVimento all’A.R.S. Valentina Zafarana ed il Portavoce capogruppo del M5S all’A.R.S. Giancarlo Cancelleri.

Le parole e il pensiero di Valentina Zafarana e Giancarlo Cancelleri sono univoci: “La nostra presenza oggi – commentano – è motivata da profonda stima e fiducia per Maria Cristina e per il gruppo di Messina che ormai opera da tantissimi anni sul territorio. La Sicilia si è trasformata nel traino del MoVimento per tutto il Paese: i cittadini hanno capito che noi non apriamo sezioni nei comuni per attrarre voti e accaparrarci poltrone ma apriamo gruppi di studio, centri di lavoro per costruire una realtà finalmente diversa. Noi i programmi li costruiamo con i nostri concittadini, sentendo le loro esigenze e studiando con loro il modo migliore per risolvere le problematiche, a differenza di tutti gli altri che da sempre creano liste di promesse mai mantenute. E’ finita la delega, ora tutti i cittadini devono contribuire al cambiamento: Maria Cristina Saija non sarà il Primo cittadino, ma semplicemente cittadino e si farà portavoce delle vostre esigenze sul territorio. Questi ragazzi quando entreranno in Comune, saranno il tramite di tutti Voi per entrare lì dentro!”. (altro…)

facebooktwitter
Amministrative

Diventa Attivista e Portavoce per le prossime Amministrative!

Amministrative

Cari Cittadini, il MoVimento 5 Stelle Messina ha avviato l’iter per la raccolta dei dati per le prossime Amministrative.

Potranno partecipare coloro che:

  • Siano residenti nel comune e nella provincia di Messina,
  • Non siano tesserati presso alcun partito politico,
  • Siano incensurati e che non abbiano alcun procedimento giudiziario pendente a proprio carico,
  • Non abbiano svolto più di un mandato elettorale,
  • Non si siano presentati come candidati alle ultime due elezioni amministrative messinesi.

I Cittadini che intendono candidarsi dovranno presentare:

  • Il proprio Curriculum Vitae con allegata una foto tessera,
  • Il proprio Curriculum delle attività svolte con il M5S, in enti ed associazioni culturali, sociali,
  • Benefiche o altro e senza scopo di lucro,
  • Una lettera di presentazione,
  • Una fotocopia del documento attestante l’identità del candidato in corso di validità,
  • Il casellario giudiziale e il certificato dei carichi pendenti entrambi aggiornati,
  • Una dichiarazione di intenti in cui il futuro candidato si impegna ad auto-limitare il proprio compenso e a rimettere il proprio mandato ogni 6 (sei) mesi alla fiducia del gruppo degli attivisti de M5S di Messina*,
  • La sottoscrizione della Carta dei Principi del M5S Messina*,
  • Un’autocertificazione secondo il modello delle passate elezioni regionali in cui il candidato dichiara di non essere iscritto ad alcun partito politico, né di essere stato candidato nelle ultime due elezioni amministrative messinesi*,
  • Un’autocertificazione relativa alle condanne penali riportate e ai carichi pendenti eventualmente non riscontrabili nel casellario giudiziale*,
  • Una dichiarazione di autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del D.LGS. 196/2003 e di veridicità delle informazioni fornite ai sensi del D.P.R. 445/2000.

La documentazione potrà essere consegnata presso la sede del M5S Messina sita in Piazza Duomo a partire da martedì 12 ed entro e non oltre venerdì 22 c.m. durante i seguenti orari: da lunedì a venerdì, ore 18-20.

La raccolta e il vaglio delle candidature verrà effettuata da parte del gruppo degli attivisti del M5S Messina e tra i requisiti richiesti verranno presi particolarmente in considerazione la partecipazione a 5 stelle cioè l’aver creduto nel M5S come strumento per il rinnovamento dell’Italia e delle sue istituzioni e l’essersi impegnati per la crescita del MoVimento e della città di Messina, l’associazionismo presso enti no profit volto al miglioramento e lo sviluppo della collettività e del territorio, l’integrità morale, il livello culturale, le comprovate capacità relazionali e professionali del candidato.

Download facebooktwitter

Legge 174: la manna per il Comune. Sarà vero?

Il Decreto Legge 10 ottobre 2012, n. 174 è stato convertito in Legge dal parere favorevole della Camera dei Deputati. Messina può quindi usufruire del Fondo di Rotazione previsto dall’art. 4 della 174 (anticipazioni agli enti locali in situazione di grave squilibrio finanziario) ed uscire dall’incubo dissesto. Ma sarà vero? A questo primo quesito si deve rispondere che tale procedura non può avere inizio secondo quanto stabilito con l’art. 243/bis poiché la Corte dei Conti, ha già provveduto ad assegnare un termine entro il quale adottare le misure correttive richieste dall’organo di Controllo. Il Commissario è quindi obbligato, nel termine stabilito, a procedere fornendo tutte le risposte gestionali necessarie ed effettuando i tagli di spesa richiesti. Contestualmente il Commissario, in considerazione dei gravi motivi di squilibrio strutturale di bilancio, può chiedere una anticipazione finanziaria dal fondo di rotazione per gli enti locali al ministero dell’Interno e dell’economia poiché in presenza di gravi moti d’urgenza. Tale anticipazione a valere sul piano pluriennale di riequilibrio da redigere dovrà essere comunque restituita e dovrà essere utilizzata soltanto per pagare stipendi e per mantenere in esercizio i servizi essenziali. Allo stato quindi le prossime decisioni della Corte dei Conti sembrano dipendere essenzialmente dalla reale capacità dell’Ente di potere fare fronte ai propri impegni ed alle direttive ricevute.

Solo successivamente e conseguentemente ai risultati dell’iter già avviato, se si dovesse ritenere evitabile l’adozione della procedura di dissesto, si potrà riaprire la possibilità di redigere un piano di riequilibrio finanziario pluriennale da inoltrare al ministero degli interni ed al parere della Commissione della Corte dei Conti con la possibilità di accedere all’utilizzo del fondo di rotazione. “Per l’anno 2012 la dotazione del Fondo di rotazione di cui al comma 1 è incrementata della somma di 500 milioni di euro” (art.4 comma 5).

Ma fino a quale punto del nodo gordiano chiamato bilancio comunale questo Fondo può arrivare a sanare il “malato in stato comatoso” considerato altresì che tali fondi dovranno comunque essere riassorbiti nell’ambito della programmazione di riequilibrio economico finanziario dell’Ente? Continuando a leggere il comma 5 “Tale importo è destinato ESCLUSIVAMENTE al pagamento delle spese di parte corrente relative a spese di personale, alla produzione di servizi in economia e all’acquisizione di servizi e forniture, già impegnate e comunque non derivanti da riconoscimento di debiti fuori bilancio”. Ma quale è il deficit del Comune di Messina? Sul punto vi è da fare chiarezza: secondo il ragioniere generale Coglitore il “buco” di bilancio sarebbe di ca. 60 mln. di euro, il Commissario Croce stima lo stesso a 240 mln. di euro, alcuni tecnici lo valutano ben oltre i 400 mln di euro! Tutto questo è possibile grazie ad un bilancio comunale (non a caso definito nodo gordiano) dalla difficile interpretazione e definito dalla Corte dei Conti non trasparente né veritiero né certo, tanto da trasmettere gli atti per le valutazioni del caso al Tribunale di Messina: le società partecipate (dentro o fuori?), i contenziosi, gli interessi maturati, i residui di dubbia realizzazione, le anticipazioni di cassa divenute debito strutturale, il contenzioso attivato recentemente sulla finanza innovativa e l’entità reale di tutti i debiti fuori bilancio.

Inoltre sempre riguardo alle eventuali anticipazioni di fondi dal Governo: “L’erogazione delle predette somme in favore degli enti locali interessati è subordinata all’invio al Ministero dell’interno da parte degli stessi di specifica attestazione sull’utilizzo delle risorse”. Bisogna ricordare, inoltre, che la Corte dei Conti (ca. 2 settimane or sono) ha dichiarato che “la situazione del Comune di Messina presenta gravi ed evidenti squilibri strutturali di bilancio suscettibili di provocare il dissesto dell’ente”. Su questo punto invitiamo a leggere anche l’art. 5 della 174 che in breve spiega come “in caso di diniego del piano di riequilibrio finanziario da parte della sezione regionale di controllo della Corte dei Conti, ovvero di mancata previsione nel predetto piano delle prescrizioni per l’accesso al Fondo di rotazione le somme anticipate sono recuperate”.

Considerando quanto oscura sia la via che porta al “risanamento”, ma evidenziando l’importanza della neonata legge 174 sul futuro della nostra Città, il MoVimento 5 Stelle Messina chiede al Commissario Croce di rispondere esaustivamente alle richieste della Corte dei Conti e di applicare con urgenza e puntualmente il disposto dell’art. 3 presente nello stesso decreto.

Al tempo stesso la invitiamo ad indire un’assemblea Cittadina per chiarire: 1) cosa realmente rappresenti il Fondo di Rotazione per le casse comunali 2) i numeri reali del bilancio comunale, a quanto ammontano i debiti fuori bilancio (e da cosa sono rappresentati), l’incidenza delle partecipate sullo stesso, quali crediti sono esigibili tra i residui e quali sono da considerarsi inesigibili 3) indicare in modo chiaro ed inequivocabile le responsabilità (politiche e tecniche) della situazione accertata. La trasparenza e la pubblicità che chiediamo, e auspichiamo dal Commissario, e necessaria al MoVimento 5 Stelle Messina ed alla cittadinanza tutta per regolarsi di conseguenza e per prendere tutte le iniziative che si ritengono utili a salvaguardia degli interessi generali. Quello che chiediamo è solo il ritorno alla piena legalità. e la piena applicazione dell’art 3. In ultimo, ma non meno importante, chiediamo al Commissario Croce di vagliare la possibilità di richiedere al Presidente della Regione Crocetta l’invio di un pool di funzionari dell’assessorato enti locali e della ragioneria generale della Regione a Messina che si occupi della stesura del conto consuntivo del 2012 del Comune di Messina e di un piano particolareggiato ed oculato utile per rimettere in linea la gestione futura della Città, sul punto consideriamo dubbia la possibilità che a correggere le condizioni così duramente contestate dalla Corte dei Conti possano provvedere gli stessi Dirigenti dell’Ente, alcuni dei quali non possono essere giudicati estranei allo stato di caos economico finanziario in cui versa il Comune di Messina considerate le posizioni istituzionali che ricoprono e le responsabilità che derivano dalle stesse. Sul punto si chiede in particolare di sapere se il Dott. Croce ha intenzione di chiedere la rimozione del Ragioniere Generale del Comune secondo quanto previsto all’art. 109 2/bis e se pertanto sono già stati richiesti o meno i prescritti pareri al Ministero degli Interni ed al Ministero dell’Economia e delle finanze con carattere di urgenza, ciò onde evitare la possibile ulteriore costruzione lacunosa di processi che invece devono garantire la massima trasparenza e legalità sulla situazione dell’Ente!

Il MoVimento 5 Stelle Messina ribadisce la massima collaborazione al Commissario Croce sulla vicenda, continuando però fermamente a credere che una soluzione per gestire il dissesto economico finanziario del Comune di Messina non possa prescindere anche dalla contestuale ricerca delle responsabilità oggettive di tale disastro.

Molti cittadini si interrogano sul loro futuro e su quello delle loro famiglie messo pesantemente a rischio dalla “mala politica” e da una corruzione, prima di tutto morale, che si deve perseguire ed estirpare. Il MoVimento 5 Stelle Messina chiede quindi un ulteriore incontro al commissario e maggiori informazioni sull’iter delle procedure prima di formalizzare al Presidente della regione Sicilia e dell’Assessore agli enti locali tramite la sua deputazione una richiesta di confronto sul tema Messina e le sue criticità.

facebooktwitter

Incontro tra Croce e deputati messinesi all’ARS. Il nostro punto fermo.

In merito all’incontro promosso dal Commissario straordinario Luigi Croce per informare la deputazione regionale messinese, tenutosi in data 26 novembre 2012 presso il Comune di Messina, ed alla successiva sottoscrizione della richiesta d’incontro inviata al Governatore della Sicilia Rosario Crocetta sulla situazione economica del Comune di Messina, il MoVimento 5 Stelle Messina nella persona del Portavoce eletto all’ARS Valentina Zafarana tiene ad evidenziare alcuni punti fondamentali:

  • il  fondo  indispensabile al pareggio del bilancio di previsione 2012 (stimato dal Commissario in 50 mln di euro) da richiedere al Governo nazionale, allorché venisse individuato e reputato sufficiente al risanamento della situazione economica del Comune di Messina, NON DOVRA’ rappresentare una scappatoia legittimata per coloro i quali hanno reso il Dissesto finanziario della Città una realtà evidente;

  • tale intervento NON DOVRA’ rappresentare una forzatura ad hoc: se l’organo di controllo regionale appurasse la sussistenza tecnica, ovvero prevista dalla legge, della situazione di dissesto IRREVERSIBILE, si ritiene che questo passo se pur drammatico vada fatto subito, senza tergiversare più nemmeno di un giorno (come da comunicato stampa del 12/11/2012);

  • in ogni caso, in quella circostanza, il M5S chiederà al Governatore di Sicilia e al Commissario Croce, quale atto di giustizia nei confronti di tutti i cittadini messinesi, che vengano indicati senza equivoci tutti coloro che a vario titolo si sono resi responsabili del disastro economico cui versa la casa comunale. Tale esplicitazione sarebbe automatica in caso di dissesto. Ma il M5S pretende che avvenga lo stesso anche in caso contrario.

Deve essere chiaro quindi che, pur avendo sottoscritto per coscienza e senso di responsabilità istituzionale la richiesta di incontro con il Governatore Crocetta per discutere di eventuali possibili interventi di quest’ultimo a salvaguardia della situazione economica del Comune di Messina, tale discussione avrà sussistenza esclusivamente a partire da un punto fermo: le responsabilità. A pagare non dovrà essere la Città ma, come è uso in giurisprudenza, i colpevoli.

facebooktwitter

Lavoro finito? No, appena cominciato.

Ciao a tutti! Pensavate di esservi liberati di noi dopo le elezioni regionali, vero? Ebbene, per vostra sfortuna (o, come speriamo, fortuna) il Movimento Cinque Stelle Messina ha ripreso immediatamente le proprie attività e ha intenzione di essere ancora più attivo e presente sul territorio di quanto non abbia fatto finora.

Durante l’ultima riunione degli attivisti, il M5S Messina ha pianificato le proprie attività per il periodo che ci separa dalle ormai prossime elezioni politiche e amministrative. Abbiamo pensato di suddividere questo periodo in 3 fasi principali: la fase di “Ascolto” durante la quale abbiamo intenzione di dare voce a tutti coloro che finora non l’hanno avuto ovvero voi, i cittadini raccogliendo proposte, idee e segnalazioni di problemi; la fase di “Pensiero” nella quale grazie ai contributi di tutti coloro che verranno partecipare ci concentreremo sulle problematiche irrisolte della nostra città e proporremo il nostro approccio per il loro superamento; la fase di “Decisione” durante la quale grazie all’utilizzo della Rete e di Liquid Feedback saranno i cittadini stessi a votare il nostro programma definitivo.

La prima fase, quella di “Ascolto” ha inizio ufficialmente oggi e si concluderà il 23 Dicembre p.v.: più di mese durante il quale il M5S darà voce a tutti i cittadini per raccogliere idee, proposte, progetti nonchè ovviamente segnalazioni di problemi, malfunzionamenti, situazioni di disagio, abbandono, mala-gestione di cui, purtroppo come sappiamo, la nostra città è piena. Cosa abbiamo pianificato di fare durante questa fase? Beh, veramente un sacco di cose:

  • I nostri consueti banchetti settimanali che questa volta verranno effettuati in più punti della città in modo da coprire tutto il territorio e permettere di incontrare più cittadini possibile. Durante i banchetti verranno distribuiti dei questionari che ci permetteranno di conoscere le criticità delle varie zone della città e vi permetteranno di suggerirne le soluzioni.
  • Le Agorà cittadine ovvero incontri tematici che si svolgeranno nei luoghi simbolo e nelle piazze principali dei nostri quartieri: armati di megafono, libri, documenti e tanta voglia di confrontarci, condividere le nostre esperienze, imparare gli uni dagli altri cercheremo di riportare la democrazia nel suo luogo di orgine ovvero la piazza.
  • Le nostre consuete riunioni pubbliche del mercoledì sera che, vi ricordiamo si tengono alle 21.30 presso la nostra sede in Piazza Duomo 31 (accanto alla salumeria Gustosa), saranno ancora più interattive e lasceranno ancora più spazio all’intervento dei cittadini, alle vostre proposte e alla vostra voglia di partecipare. Durante le riunioni raccoglieremo i contatti dei cittadini che si offriranno volontari per partecipare alle attività della fase 2 del nostro piano di lavoro ovvero quella di “Pensiero”. 
  • Incontri, incontri e ancora incontri: cercheremo di incontrare giornalmente davvero tutti. Stiamo pianificando un calendario per avvicinarci alle associazioni cittadine, ai comitati, ai collettivi, alle vertenze dei lavoratori, tecnici ed esperti nei più svariati campi ma anche alle istituzioni (magari per dirgli in faccia cosa pensiamo di loro). Se volete incontrarci contattateci pure e incontreremo anche voi.
  • Eventi, eventi e ancora eventi: stiamo pianificando svariate iniziative culturali: cineforum, presentazioni di libri, mostre, incontri tematici con ospiti da tutta Italia e tutto ciò che può servire per riportare un po’ di sana cultura nella nostra città. Ricordate che la cultura rende liberi e noi vogliamo essere dei veri “Messinesi Liberi”.
  • La nostra sede verrà tenuta aperta il più possibile nell’arco della settimana in modo da permettervi di venirci a trovare quando volete per fare due chiacchiere e conoscerci. Vi faremo sapere gli orari precisi a breve. 
  • Ovviamente non potevamo dimenticare il nostro mezzo di comunicazione più importante ovvero la Rete: durante questo periodo raccoglieremo idee, consigli, problemi e suggerimenti anche attraverso i nostri innumerevoli canali del cyberspazio ovvero:
  • Email: scriveteci a messina5stelle@gmail.com oppure a v.zafarana@sicilia5stelle.it

Ricordatevi che il M5S siete voi e che la rinascita della nostra città passa da tutti quei Messinesi Liberi che vorranno attivarsi e partecipare per creare quel nuovo modello di città che renda obsoleto quello in cui abbiamo vissuto finora.

facebooktwitter